L’intervento di trapianto di capelli

La chirurgia di trapianto di capelli prevede il prelievo di capelli sani e resistenti alla caduta dall’area donatrice dello scalpo e il loro innesto nelle aree calve o diradate.

L’area donante si trova solitamente nella parte posteriore dello scalpo e nella zona dietro e sopra le orecchie, i capelli in questi zone sono generalmente insensibili all’azione del DHT, responsabile della caduta. I capelli trapiantati cresceranno in modo naturale e non sono destinati a cadere con il passare degli anni.

I capelli crescono in piccoli gruppi chiamati “grafts” (in italiano unità follicolari) che possono contenere da uno a quattro capelli. Ci sono due differenti metodi di estrarre le unità follicolari dall’area donante: il metodo F.U.E (Follicular Unit Extraction) e il metodo FUT (Follicular Unit Transplant). I nomi di queste tecniche possono non essere di particolare aiuto ma è essenziale per un paziente capire le differenze che esistono tra i diversi metodi. La F.U.E è una tecnica che permette di estrarre le unità follicolari una ad una attraverso l’uso di uno strumento chirurgico simile ad un punzone (in inglese punch). La FUE non lascia una cicatrice lineare ma ha come esiti cicatriziali delle minuscole cicatrici circolari in ogni punto in cui viene estratta l’unità follicolare. Queste cicatrici sono piuttosto difficili da notare. Migliaia di estrazioni sono effettuate lungo tutta l’area donante per ottenere il numero necessario di unità follicolari.

La tecnica F.U.T, più correttamente conosciuta come “Strip excision”, comporta la rimozione di una losanga di pelle (in inglese strip) dalla parte posteriore dello scalpo, che contiene centinaia o migliaia di unità follicolari. L’esito cicatriziale è una sottilissima cicatrice lineare nella zona in cui è stata rimossa la losanga. Le moderne tecniche di sutura (tricofitica) fanno si che la cicatrice risulti davvero poco evidente e con un opportuna progettazione dell’intervento non risulterà visibile. Una volta rimossa, la losanga viene dissezionata al microscopio per separare le unità follicolari che saranno successivamente innestate. La maggior parte dei nostri video mostrano un pettine che scorre lungo tutta l’area donante per evidenziare chiaramente come la cicatrice sia davvero minima ed impercettibile. I vantaggi e gli svantaggi di queste due tecniche chirurgie sono dibattuti sui principali forum sul trapianto di capelli e vi incoraggiamo ad informarvi quanto più possibile riguardo ai due metodi.

Il Dr.Hasson e il Dr.Wong sono pionieri nella tecnica FUT/Strip ed hanno perfezionato progressivamente il loro approccio chirurgico durante gli ultimi 20 anni. L’esperienza acquisita con la tecnica strip ha permesso loro di realizzare mega sessioni che riducono il numero di chirurgie necessarie per raggiungere il risultato estetico desiderato ed interventi ad alta densità (dense packing) che consentono di pareggiare la densità dei capelli preesistenti, cosi come desiderato da molti pazienti. Sebbene a loro parere la tecnica FUT garantisca un miglior tasso di ricrescita i dottori si sono impegnati al massimo per perfezionare la loro tecnica FUE e far si che si risultati ottenibili con entrambe le tecniche siano equiparabili.

Hasson&Wong hanno anche sviluppato e continuano a perfezionare la “Lateral Slit Tecnique” che è altro non è che una tecnica di innesto delle unità follicolari ottenute che richiede un’estrema specializzazione. I dottori utilizzano questo metodo per ricreare delle attaccature assolutamente naturali e per dare ai nostri pazienti il miglior risultato in termini di densità e copertura. Il risultato finale del trapianto di capelli è in gran parte legato alla qualità, al volume e alla densità dei capelli presenti nell’area donante. Continuate a consultare il nostro sito per capire se il trapianto di capelli è una soluzione adatta per il vostro caso.