seborrea

La seborrea è un problema molto comune che affligge la pelle. Essa provoca la comparsa di eruzioni cutanee di colore rossastro e dal carattere pruriginoso.

Può colpire anche il cuoio capelluto, portando alla formazione di forfora e dermatite, oltre che la faccia, il naso, la fronte e le sopracciglia.

 

Cos’è la seborrea

Il termine seborrea deriva dalla secrezione oleosa da parte delle ghiandole sebacee presenti nella nostra pelle, il cosiddetto sebo. Quando queste ghiandole producono sebo in quantità normali, la pelle è protetta dagli agenti esterni, come ad esempio i batteri, senza problemi.

Nei casi invece in cui le ghiandole rilascino un quantitativo di sebo superiore alla norma, alcuni problemi possono iniziare a sorgere. Per esempio, la pelle può irritarsi, formando chiazze di colore rossastro, e possono comparire bruciore cutaneo e prurito.

 

Classificazione della patologia

È possibile classificare la seborrea in 3 tipi differenti:

  • Fisiologica: riguarda il naturale processo di secrezione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. La sua funzione è di combattere gli agenti esterni come batteri, freddo, polveri, e lubrificare il fusto dei capelli.
  • Patologica: a causa di una patologia si verifica la sovra produzione di sebo.
  • Occasionale: vi è un’occasionale secrezione di sebo eccessiva in relazione a fattori esterni come i trattamenti dei capelli (lozioni aggressive, massaggi ai capelli, spazzola, colore) oppure l’ambiente (calore, umidità, inquinamento).

 

Sintomi della seborrea

I sintomi più evidenti della presenza di seborrea riguardano il cuoio capelluto. In particolare, le forme principali di questa patologia sono la dermatite seborroica e la forfora.

Inoltre, possono comparire delle macchie rosse e pruriginose alla base del collo, dietro le orecchio e intorno alle narici. Negli uomini l’irritazione si può estendere anche al petto.

 

Cause della seborrea patologica

La seborrea patologica può essere il risultato di una patologia in corso, come ad esempio:

  • Disturbo ormonale, con uno squilibrio dell’apparato endocrino o della tiroide.
  • Intossicazione alimentare, causato da tossine che vengono rilasciate sul cuoio capelluto
  • Stress, oltre a portare ad alopecia può comportare una secrezione eccessiva

 

Conseguenze della seborrea

Se si soffre di uno dei sintomi della seborrea è consigliato rivolgersi immediatamente al proprio medico curante per scongiurare maggiori complicazioni. Infatti, oltre alla dermatite seborroica e alla forfora, non curare la seborrea può destare un rischio concreto per la salute dei propri capelli, che possono addirittura cadere. In quest’ultimo caso si parla di alopecia seborroica.

 

Chi è colpito

In linea teorica, la seborrea può colpire uomini e donne di ogni età. A livello pratico, è più comune nel sesso maschile e nei bambini, dove si presenta spesso come eritema da pannolino o anche crosta lattea.

I soggetti con pelle grassa, o chi soffre di morbo di Parkinson o AIDS, sono maggiormente colpiti.

 

Soluzioni e trattamenti

Una delle cose più importanti se si soffre della patologia in questione è mantenere un’igiene molto elevato. Per facilitare l’idratazione e l’equilibrio della pelle, è importante detergere di frequente la pelle.

Oltre all’igiene, resta fondamentale effettuare delle analisi periodiche del cuoio capelluto ed eventualmente utilizzare lozioni antisettiche o regolatrici per sebo per equilibrarne l’eccessiva presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.