Nel mondo dell’alopecia androgenetica uno dei trattamenti più comuni riguarda l’uso di Rogaine, un prodotto che si applica topicamente sul cuoio capelluto per prevenire la caduta dei capelli.

Il suo punto di forza riguarda la concentrazione del principio attivo minoxidil, una sostanza con diversi effetti positivi sulla crescita dei capelli.

Prima di usare Rogaine è bene consultare il proprio medico curante e seguire le sue istruzioni.

 

La caduta dei capelli

Il problema della calvizie riguarda sia uomini che donne che perdono i capelli. La caduta può avere forme, tempi e cause diverse, come una patologia (per esempio la psoriasi del cuoio capelluto), oppure avere origine ereditaria (alopecia androgenetica).

In questi casi, sempre più persone sono disposte a sottoporsi a trattamenti e terapie varie per limitare o interrompere definitivamente il processo di calvizie.

Nel panorama di tutte le possibili alternative, Rogaine è una delle più note e consigliate terapie farmacologiche per la caduta dei capelli.

 

Uso di Rogaine

L’uso di Rogaine è consigliato dai medici per chi soffre di alopecia androgenetica e desidera limitare il processo di caduta dei capelli. Esso è ufficialmente approvato dalla FDA per il trattamento medico della caduta dei capelli.

Il prodotto si applica topicamente sull’area dove è presente il diradamento. In particolare, bisogna predisporre 1g oppure 1ml di prodotto per ogni applicazione.

L’usuale somministrazione del farmaco prevede due applicazioni giornaliere per almeno due mesi.

Dopo circa 60-90 giorni dall’inizio della terapia, sono notabili i primi risultati: i capelli ricrescono con una maggiore densità e più forti.

 

Caduta indotta da Rogaine

La caduta indotta è uno dei fenomeni più comuni che riguarda l’uso di minoxidil, che è contenuto in Rogaine. La sua motivazione è spiegabile scientificamente dal fatto che il principio attivo influenza il ciclo vitale dei capelli.

In modo particolare, provoca il restringimento della fase di riposo telogen dei capelli vecchi, che di conseguenza cadono prima. Allo stesso tempo, i nuovi capelli che cresceranno saranno caratterizzati da una fase di crescita anagen più lunga.

Secondo diverse ricerche, questo porta però nell’80-90% dei casi ad una ricrescita cospicua nei primi 6 mesi. Per mantenere poi questi risultati, è necessario continuare la cura.

 

Efficacia di Rogaine: lo studio

Nel 2004 un team americano di ricerca ha condotto degli studi su un campione di oltre 900 uomini affetti da alopecia androgenetica usando Rogaine al 5%1.

Dopo un anno dall’inizio della cura, oltre il 60% dei pazienti ha mostrato una diminuzione delle aree affette da caduta dei capelli., mentre circa l’84% ha dichiarato come effettivo il trattamento con Rogaine.

 

Effetti collaterali e controindicazioni

Il farmaco non deve essere usato dalle donne incinte né dai minorenni. Allo stesso modo, non bisogna usare il medicinale sulla pelle se su questa sono già presente irritazioni.

Gli effetti collaterali riguardano principalmente la possibilità di sviluppare reazioni allergiche, difficoltà a respirare, mal di testa e orticaria.

Altri possibili complicazioni possono riguardare le vertigini, il battito irregolare, la fatica e lo svenimento.

In caso si verifichi uno di questi effetti collaterali, è importante sospendere immediatamente la cura e contattare il proprio medico curante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.