ricrescita dei capelli

Un tema in forte crescita oggi è la ricrescita dei capelli nell’uomo. Infatti, il fenomeno della caduta dei capelli influisce particolarmente sul sesso maschile, a partire dai 20 anni in su.

Perdere i capelli per un uomo può significare meno attrattività, meno virilità e anche meno sicurezza in sé stessi.

Per fortuna di tanti uomini (ma anche donne) sono disponibili oggi moltissime terapie e trattamenti per ovviare al problema e favorire la ricrescita dei capelli.

 

Soluzioni per ricrescita capelli uomo

Ricrescita di capelli con autotrapianto

Il trapianto di capelli, o anche semplicemente autotrapianto, è l’unica soluzione moderna per far ricrescere in modo sostanziale i capelli dopo averli persi. Un argomento molto discusso in questo ambito è proprio se il trapianto di capelli funziona, o i risultati di un trapianto di capelli nel tempo.

Si tratta di un’operazione chirurgica, eseguita sotto anestesia locale, in cui le unità follicolari del paziente sono distribuite tra aree a diversa densità. In modo particolare, l’area principale da dove vengono prelevate è quella occipitale, ovvero la zona posteriore; al contrario, le aree più colpite da diradamento riguardano la parte frontale, la zona temporale e il vertice.

La clinica dei Dott. Hasson e Wong viene considerata tra le migliori al mondo come risultati ottenuti. Per maggiori informazioni e contatti, cliccare al seguente link.

Ricrescita con terapia medicinale

Una terapia di ricrescita dei capelli spesso consigliata dai medici del settore riguarda la terapia medicinale. Esistono infatti dei farmaci, testati e ufficialmente approvati dagli enti certificatori, che agiscono a livello biochimico sul processo che porta alla caduta dei capelli.

In primo luogo, bisogna citare gli “inibitori dell’enzima 5-alfa-reduttasi”, come finasteride e dutasteride. I principi attivi contenuti all’interno di questi medicinali permettono infatti di stoppare inizialmente la conversione, da parte dell’enzima 5-alfa-reduttasi, dell’ormone testosterone in diidrotestosterone.

Quest’ultimo a sua volta è tra i maggiori responsabili della caduta dei capelli nell’alopecia androgenetica, in quanto entra a contatto coi ricettori androgeni dei follicoli piliferi portando ad un loro progressivo restringimento, che provoca infine la caduta dei capelli.

In secondo luogo, un altro medicinale molto importante è il minoxidil-5. Si tratta di un medicinale inizialmente introdotto non per curare l’alopecia ma per alleviare i problemi di vasocostrizione. Al giorno d’oggi è invece usato anche per curare la caduta dei capelli in quanto da una parte provoca un allungamento della fase di crescita anagen dei capelli, dall’altra stimola l’ossigenazione e favorisce l’assunzione di nutrienti da parte dei follicoli piliferi.

PRP

È una terapia iniettiva che si basa sul forte concentrato di fattori di crescita presenti al suo interno. Tale sostanza viene ottenuta prelevando sangue dal paziente. Successivamente, questo sangue viene inserito all’interno di centrifughe che ne provocano la separazione dei componenti principali dalle piastrine, l’elemento essenziale del PRP.

L’uso di PRP stimola la ricrescita naturale dei capelli e può essere usato anche insieme alle terapie dei punti precedenti.

Altre soluzioni

Non esistono altre soluzioni efficaci per la ricrescita dei capelli in un uomo ma più che altro condizioni generali favorevoli alla ricrescita. Queste riguardano per esempio condurre uno stile di vita sano, con un’alimentazione completa e variegata, insieme alla costante presenza dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.