infiammazione del cuoio e perdita dei capelli

Quando si è dinanzi a un problema di caduta dei capelli, che sia abbondante o meno, la prima reazione è quella di chiudersi in se stessi. Sì, perché perdere i capelli porta con sé una forte depressione poiché si pensa di non essere accettati dalla società e dalle persone care.

Ecco perché è importante analizzare il problema e individuare quelle che sono le eventuali soluzioni. In alcuni casi si nota una correlazione tra infiammazione del cuoio capelluto e perdita dei capelli. Si tratta di una possibile causa della perdita dei capelli?

Infiammazione del cuoio capelluto e perdita dei capelli: cosa sappiamo

Sebbene possa sembrare strano, anche un’infiammazione che va a interessare il cuoio capelluto può far cadere i capelli. Non stiamo esagerando, ma è proprio così. Cosa accade e perché? Rispondere a questa domanda è estremamente importante, perché in questo modo si riesce a capire anche come cercare di risolvere il problema.

Il meccanismo di infiammazione si genera nel momento in cui il corpo si trova a fare i conti con dei corpi estranei da combattere. In alcuni casi, però, ci sono delle anomalie del sistema immunitario che individuano in alcune cellule o in alcuni organi dei nemici da distruggere. Si tratta di un problema non tanto frequente ma che è reale. In questo caso, quindi, si avrà una condizione di alopecia generata da un’infiammazione.

Questa lotta anomala del sistema immunitario si ripercuote in maniera negativa anche sui capelli e sul cuoio capelluto in particolare. Questo viene danneggiato e da questo scaturirà prima un bruciore, che spesso si accompagna alla comparsa di macchie rosse e pruriginose, e poi alla perdita dei capelli. Desquamazione del cuoio e irritazione sono i primi due campanelli d’allarme da prendere in considerazione, quindi.

Ma cosa accade nello specifico?

Vediamo nel dettaglio. Come detto infiammazione e perdita dei capelli sono collegati ed è per questo che, per cercare di migliorare la situazione impedendo ai capelli di cadere, è necessario che venga trovata la soluzione al problema così da riuscire a tenere tutto sotto controllo.

Di sicuro, quando si parla di infiammazione del cuoio la possibilità che scaturisca dall’azione di virus o di batteri o di funghi è molto alta. Nello specifico, nella maggior parte dei casi siamo dinanzi a un’infiammazione da H pylori, un batterio molto frequente che provoca anche l’ulcera e che è presente in quasi tutti i soggetti over 40.

Ma non solo: anche le allergie possono provocare delle infiammazioni e queste possono interessare anche il cuoio capelluto. Ecco, quindi, che anche questo è un aspetto da indagare se si è colpiti da una infiammazione del cuoio capelluto con relativa perdita dei capelli.

Il forte stress è un altro problema da prendere in considerazione. In questo caso la colpa è dell’aumento della produzione del cortisolo, un ormone negativo per il nostro organismo.

Ma non finisce qui: cattiva alimentazione, cattive abitudini come il fumo o l’abuso di alcool, l’utilizzo di prodotti per capelli troppo aggressivi possono tutte essere cause di infiammazione e caduta dei capelli.

Bisogna, quindi, individuare la causa e cercare di eliminarla così da non dover avere più a che fare con la possibilità di calvizie che, invece, potrebbe essere dietro l’angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.