capelli sfibrati

Con capelli sfibrati si intende quella condizione in cui i capelli appaiono deboli, poco voluminosi e rigidi. Tra le cause principali di questa condizione ci sono sicuramente i fattori esterni, come gli agenti inquinanti, il caldo e il freddo, i trattamenti chimici, ma anche l’alimentazione.

Nemici del benessere dei capelli sono anche la piscina, i lavaggi frequenti e l’esposizione senza protezione al sole.

Quali sono i rimedi in questi casi?

 

I capelli sfibrati

In questa situazione ci si trovano ogni giorno milioni di donne e uomini in tutto il mondo. L’effetto che si nota è quello di una mancanza di volume unita ad una generale debolezza della chioma. I capelli, che appaiono fragili, poco luminosi e facilmente spezzabili, spesso si assottigliano, portando danni alle fibre che ne compongono il fusto.

Sintomi

I sintomi principali della condizione in esame sono la fragilità dei capelli. I capelli sfibrati appiano spenti e poco robusti, senza brillantezza e facilmente deteriorabili.

Cause dei capelli sfibrati

Le cause che portano ai capelli sfibrati si dividono in due categorie: interne ed esterne. Le cause interne sono da attribuire prevalentemente alla dieta alimentare che seguiamo. Infatti, un’alimentazione povera di sostanze fondamentali per i capelli come proteine, minerali e vitamine può danneggiare i capelli.

Altre cause interne sono relative ad alterazioni ormonali, ad esempio legate alla tiroide, oppure allo stress quotidiano.

Invece, le cause esterne sono relative alle sostanze chimiche inquinanti presenti nell’atmosfera, all’esposizione diretta alla luce del sole, al vento, al caldo e al freddo e così via.

L’insieme di questi fattori può compromettere la salute dei capelli, che spesso diventano secchi, con le doppie punte e appunto sfibrati.

Cosa fare

Quando ci si accorge che si soffre di una di queste condizioni, è utile farsi visitare da un esperto in materia. Infatti, la conduzione di esami approfonditi può evidenziare la mancanza di cheratina, proteina alla base del capello, oppure anche danni alla corteccia del capello in assenza dello strato protettivo più esterno, la cuticola. In quest’ultimo caso è opportuno agire quanto prima in quanto potrebbe esserci il rischio di una calvizie, ovvero caduta di capelli.

 

Rimedi per i capelli sfibrati

Fermo restando che la prima cosa da fare è farsi visitare da un professionista, esistono anche indicazioni di massima che portano ad un miglioramento generale dei capelli se sfibrati:

  • Trattamenti estetici: bisogna evitare il più possibile di sottoporsi a trattamenti come tinte, pieghe e colorazioni che potrebbero danneggiare ulteriormente i già fragili capelli. Allo stesso tempo, evitare i trattamenti aggressivi per i capelli come le piastre e il phon.
  • Utilizzare prodotti specifici: ad esempio, l’uso di shampoo per capelli sfibrati oppure balsamo possono nutrire i capelli, rendendoli morbidi e brillanti.
  • Impacchi e maschere: sono alcuni esempi di soluzioni fai-da-te che possono migliorare la situazione in attesa di un consiglio medico. Un primo tipo di impacco può essere quello basato su olio di cocco, che nutre in modo particolare i capelli. Per quanto riguarda le maschere, le migliori per i capelli secchi e sfibrati sono quelle composte da yogurt e miele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.